BORSA IN JUTA PER LA SPESA SENZA PLASTICA

NEWS e COMUNICAZIONI

Il Comune regala ai cittadini una borsa per limitare l'utilizzo dei sacchetti in plastica e ridurre l'impatto ambientale


I cittadini di Novedrate, ormai si sa, sono sempre attenti alla raccolta differenziata e per questo ogni anno l’Amministrazion

I cittadini di Novedrate, ormai si sa, sono sempre attenti alla raccolta differenziata e per questo ogni anno l’Amministrazione Comunale lì premia migliorando o arricchendo il servizio.

Novità 2010 è l'iniziativa «Porta la sporta» promossa dall’Associazione dei Comuni virtuosi e attenti alla salvaguardia dell’ambiente e patrocinato dal WWF.

«Il progetto è finalizzato alla graduale eliminazione dei sacchetti di plastica mediante l’utilizzo di borse realizzate con un materiale alternativo, ovvero lo juta - spiega Pasquale Brosio, Assessore all'Ambiente - che potranno essere ritirate gratuitamente in Municipio: ogni famiglia ne ha diritto a una. Questi nuovi sacchetti sono molto più resistenti di quelli in plastica, sono utilizzabili più volte e soprattutto sono costituiti da un tessuto non inquinante che quindi aiuta a ridurre l’impatto ambientale che invece oggi creano le buste di plastica».

Lo scopo di questa novità è quello di favorire tra i novedratesi l’uso di strumenti eco-sostenibili di marchio ecologico «così da ridurre la produzione e la nocività dei rifiuti, in particolare della plastica, materiale a più alto impatto ambientale per le problematiche connesse al suo smaltimento».

Per tanto è possibile andare in Municipio non solo la nuova borsa in juta, ma anche il tradizionale calendario che viene curato dall'ufficio ecologia per ricordare a tutti i giorni e le modalità con le quali è organizzata la raccolta differenziata. Inoltre saranno regalati 25 sacchi viola per la raccolta della plastica e 100 sacchetti biodegradabili per lo smaltimento della frazione umida.

«L’Amministrazione intende raggiungere l'importante obiettivo di salvaguardia ambientale - conclude l'assessore Brosio - e nel contempo diffondere una maggiore consapevolezza per cercare di modificare stili di consumo non eco-sostenibili». Ci vorrà del tempo, un po' come fu per la raccolta differenziata: all'inizio a tutti parve una stranezza e una complicazione difficile da metabolizzare, ma dopo qualche mese di rodaggio, separare gli scarti diventò una normale abitudine quotidiana. Questo, probabilmente, varrà anche per la borsa di juta.

 

 

Salva Segnala Stampa Esci Home