Giornata dell’unità nazionale, della costituzione, dell’inno e della bandiera

EVENTI E NEWS

1861 - 17 marzo - 2022


Ricorre in questa data il 161° Anniversario dell’Unità Nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera che uniscono tutti gli Italiani nel ricordo di tante generazioni di uomini e donne che hanno sacrificato le loro vite per la nostra patria.

Grazie alla coesione e ai valori di libertà, democrazia e fraternità che unisce gli italiani, la nostra comunità si è rafforzata, affrontando con grande spirito solidaristico e superando prove durissime, come la tragica emergenza pandemica.

Ora un’altra emergenza chiama il nostro popolo alla solidarietà e all’aiuto nei confronti delle popolazioni terribilmente colpite dalla guerra in Ucraina, nella irrinunciabile convinzione che si ponga fine ai combattimenti e prevalga il dialogo e la pace.


Giornata Unità d'Italia

Con la legge 23 novembre 2012, n.222 è stata infatti istituita questa Giornata da celebrarsi il 17 marzo di ogni anno, nel giorno della proclamazione nel 1861 dell'Unità d'Italia.
Il 17 marzo 1861 è la data che sancisce formalmente l'Unità d'Italia. Avvenne con un atto normativo del Regno di Sardegna - la legge 17 marzo 1861, n. 4761 - con la quale Vittorio Emanuele II assunse per sé e per i suoi successori il titolo di Re d'Italia.

Il tricolore italiano 

La bandiera italiana bianca, rossa e verde è una variante della bandiera della rivoluzione francese. Con la presa della Bastiglia, nel 1789, i rivoluzionari scelsero il blu, il bianco e il rosso: blu e rosso sono i colori di Parigi, il bianco rappresenta il colore della famiglia reale dei Borboni. 
Nel tricolore italiano, oltre al bianco e al rosso, c’è il verde che rappresenta la natura e i diritti naturali, l’uguaglianza e la libertà. Il tricolore simboleggiò tutti coloro che combattevano per la libertà e per l’indipendenza dell’Italia.

L’inno nazionale

La città di Genova ha dato i natali al “Canto degli Italiani”, meglio conosciuto come Inno di Mameli. Scritto nell’autunno del 1847 dallo studente e patriota ventenne Goffredo Mameli.


 

Esci Home